Blog di qualità

Blog di qualità
naznn5247.blogspot.com//" data-

mercoledì 9 novembre 2011

PANDOLCE GENOVESE ALTO



Ingredienti:
Per il lievitino 300 gr. di farina 00 
un cubetto di lievito di birra
125 ml. circa di acqua tiepida
Per l'impasto del pandolce
500 gr. di farina 00
100 gr. di burro
250 gr. di zucchero
120 ml. circa tra acqua e fior d'arancio
300 gr. di uvetta sultanina
100 gr. di pinoli
100 gr. tra cedro e arancia canditi
  25 gr. circa di semi di finocchio
un cucchiaino di lievito per dolci  (8 gr.)
una presa di sale


Alla  mattina si prepara il lievitino impastando la farina con il lievito sminuzzato e l'acqua tiepida, lavorarlo bene, farne una palla, porla in un contenitore mettere il coperchio e tenerlo in un luogo riparato. (io lo metto nella credenza, con lo sportello chiuso, facendo attenzione a non aprirlo  più sino alla sera, per evitare sbalzi di temperatura e bloccare la lievitazione).
Alla sera, disporre sulla madia i 500 gr. di farina, lo zucchero, il sale, al centro versarvi il burro fuso a temperatura ambiente, l'acqua con il fior d'arancio, la pasta lievitata spezzettata con le mani, il cucchiaino di lievito, amalgamare il tutto e impastare bene per almeno 10/15 minuti. Se occorre aggiungere ancora un goccio d'acqua.
L'impasto dovrà rimanere morbido e omogeneo.
Spianare leggermente sulla madia l'impasto con i pugni, versarvi l'uvetta, il cedro, i pinoli, il finocchio, e lavorare l'impasto sino a quando si è tutto incorporato, se occorre spolverare leggermente 
la madia, tagliare poi l'impasto a metà, dare la forma classica del pandolce e porli in una grande placca con della carta forno sotto, coprire con una salvietta e tenerli al caldo per tutta la notte.
Alla mattina accendere il forno a 180°, incidere delicatamente in sommità dei pandolci  con una lametta il classico triangolo e infornarli, e cuocerli per un ora circa, poi si sforna si pone su di una gratella e si lascia così sino a sera. 
Il giorno seguente (se non si è mangiato prima......) si fascia bene con la pellicola trasparente di modo da non fare passare dell'aria, e così si conserva a lungo.




Nessun commento:

Posta un commento